Venerdì, 04 Maggio 2018 15:20

Rapporto PMI Centro Nord 2018 Confindustria e Cerved

E' stata pubblicata la terza edizione del Rapporto PMI del Centro-Nord, curato da Confindustria e Cerved, che riassume lo stato di salute delle PMI di capitali (tra 10 e 250 addetti).

Il rapporto riassume lo stato di salute delle PMI di capitali, rappresentativo delle principali caratteristiche del tessuto imprenditoriale della parte più industrializzata del Paese.

Un campione molto ampio, composto da 118mila società di capitali (l’81,5% delle 145mila presenti in Italia), di cui 49mila localizzate nel Nord-Ovest , con un peso economico molto significativo: generano circa 740 miliardi di euro di fatturato, 174 miliardi di euro di valore aggiunto ed occupano 3,2 milioni di addetti. Da sole queste imprese valgono il 13,5% del Pil dell’area.

Il rapporto conferma il lento ma progressivo miglioramento del clima economico della parte più sviluppata del Paese. Il tessuto delle PMI del Centro-Nord torna a popolarsi: le nascite toccano nuovi record, ma le nuove nate restano piccole. Nel loro complesso, le PMI migliorano i conti economici, aumentano i margini e riducono il peso dell’indebitamento: la maggiore solidità finanziaria rende possibile e sostenibile la ripresa degli investimenti. Questo potenziale vale fino a 94 miliardi di euro e in particolare, per le PMI ad alta automazione, c’è un potenziale nell’ambito della “rivoluzione” Industria 4.0 di quasi 30 miliardi.

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti. Continuando ad usare questo sito, acconsenti all'utilizzo di questa tecnologia.